Nuovo direttivo della Pro-Loco

Cupra Marittima – Le recenti elezioni per rinnovare il direttivo della Pro-Loco locale hanno decretato l’insediamento di una nuova compagine così costituita: Samuele Rivosecchi, Roberta Giudici, Michele Silla, Michele Cicchi, Matteo della Sciucca, Donatella Rodilossi, Gabriella Peroni, Carla Vicerè, Emiliano Ciarrocchi e Rossana Mancinelli. Il direttivo ha poi eletto come nuovo Presidente l’architetto Cristina Vallorani.
Abbiamo dialogato con la nuova giovane eletta che ci ha permesso di riassumere il profilo del gruppo e la mission del loro lavoro.
La dottoressa Vallorani, di famiglia cuprense doc, ha 32 anni, lavora nella piccola azienda familiare che opera nel campo del vivaismo, è sposata ed è mamma da pochi mesi. E’ stata candidata come consigliere nella lista del neo sindaco Alessio Piersimoni.
Il suo direttivo è formato da persone che hanno già esperienza di forme di associazionismo, come Carla Vicerè, già presidente dell’ ente di promozione turistica ed attuale nuova vice-presidente, e da giovani che sono alla prima esperienza. Altra vice-presidente è Donatella Rodilossi, nutrizionista ed anch’essa candidata nella lista Viviamo Cupra.
Il direttivo, come detto, è molto vicino ed opererà con fiducia reciproca, nei confronti dell’attuale nuova amministrazione.
Tutti sono al lavoro per organizzare le imminenti manifestazioni autunnali, come Castagne al Borgo e la creazione angoli di festa, soprattutto per bambini e famiglia, a Cupra durante le festività natalizie.
Anche i rapporti con l’UNPLI sarà curato, tanto che Michele Silla parteciperà alla convention delle Pro-Loco che si terrà a Roma il 30 novembre prossimo.
Obiettivo dell’associazione sarà quello di vivacizzare la vita di incontro, sia ludico che culturale, di chi vive e villeggia a Cupra in tutti i mesi dell’anno.

Luciano Bruni

Print Friendly, PDF & Email

Articolo Precedente

Riparte "Acquaviva Comics", la Omnibus lancia il nuovo Progetto Ecocomics

Articolo Successivo

Una sala gremita per la presentazione del libro di Giobbe Covatta e Paola Catella