Scritte contro Fioravanti nel parcheggio di S.Pietro in Castello. Il primo cittadino: “Stanno già indagando le forze dell’ordine”

ASCOLI –  Scritte contro il primo cittadino, la città e un’azienda locale sono comparse sui muri del parcheggio di S.Pietro in Castello. In un’altra c’è anche scritto “Il Cile insorge” e pochi metri più avanti, in piazza Ventidio Basso, l’ormai celebre “ACAB” e un simbolo anarchico.

“Un’area che come Amministrazione abbiamo voluto riqualificare e restituire alla cittadinanza in tempi record e che è a disposizione di ascolani e turisti a pochi passi dal nostro centro storico. Nessuno vieta di esprimere idee contrarie a me o alla mia Amministrazione, ma non accetto che questo venga fatto imbrattando mura o abitazioni” dice il primo cittadino,”Chi deturpa un bene pubblico è un codardo e un ignorante. L’episodio è già al vaglio delle forze dell’ordine al fine di individuare i colpevoli, la scritta sarà tempestivamente ripulita”


Articolo Precedente

San Benedetto, controlli sui mezzi pubblici: 3 irregolarità rilevate

Articolo Successivo

Rinnovato il protocollo per la prevenzione dei reati contro le banche