Tra le opere di Cola dell’Amatrice, tour guidato ad Ascoli

cola dell'amatrice

ASCOLI PICENO – L’Associazione delle guide turistiche abilitate di Ascoli Piceno “Marche V Regio” propone per domenica 22 ottobre, dalle ore 15,30 un interessante tour guidato tra le opere di Cola dell’Amatrice. L’artista, attivo nella prima metà del Cinquecento e originario del comune della provincia di Rieti oggi distrutto dal terremoto, fu personalità complessa e interessante, benché oggi poco nota al grande pubblico.

La Civica Pinacoteca di Ascoli Piceno conserva alcune delle tavole più rappresentative dipinte da Cola, che a Roma ebbe la possibilità di confrontarsi con Raffaello e Michelangelo, aggiornando così la propria formazione legata ai modelli umbro-laziali del tardo quattrocento. Formatosi nel territorio appenninico compreso fra Umbria, Lazio, Marche ed Abruzzo, l’artista dapprima guardò con interesse le creazioni di Perugino lasciandosi poi attrarre da Raffaello, modello da lui rielaborato in chiave anticlassica, ponendo l’accento sulla drammatica espressività dei dolenti. Per la sua particolare posizione nell’ambito della cultura figurava del Rinascimento italiano, Cola dell’Amatrice è stato oggetto di importanti contributi critici da parte di Federico Zeri, che sin dagli anni Cinquanta del Novecento accese i riflettori sui territori appenninici oggi devastati dal sisma, contribuendo alla ricostruzione di un tessuto culturale che rivela la propria originalità rispetto ai modelli normativi allora vigenti, dando vita ad un Rinascimento alternativo.

Nel centro storico della città si incontreranno i manufatti edilizi che sono frutto del suo straordinario estro architettonico, tra cui la facciata del Duomo di S. Emidio, la chiesa di Santa Maria della Carità, la facciata posteriore del Palazzo dei Capitani e il portale laterale della chiesa di San Pietro Martire e si sosterà nella Sala a lui intitolata per ammirare gli affreschi realizzati per il convento francescano.

Al termine, si raggiungerà il Palazzo Sgariglia in corso Mazzini, dove si potrà gustare uno sfizioso aperitivo conviviale a cura di Chez Toi.


Articolo Precedente

Il progetto Wedding in Sibillini sbarca a New York

Articolo Successivo

Al Caffè Meletti "Chef on the road" con Roberto Di Sante