Varianti, Areamare chiede la convocazione di un tavolo tecnico

varianti

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Varianti urbanistiche, Areamare chiede al comune di San Benedetto l’avvio di un tavolo tecnico per confrontarsi sulla propria proposta di modifica al piano regolatore.

Areamare spinge per trovare una soluzione da adottare nei quartieri Mare e Sentina. In queste zone, nel luglio 2017, la srl presentò proposta di variante al piano regolatore. Il progetto generale prevede la realizzazione di otto palazzine e dieci villette fra Via Scarlatti, Via Mare e Via del Cacciatore.

«Allo scopo di ricercare e convenire una completa e rapida soluzione all’intero problema – scrive la rappresentante legale della società – in condivisione degli interessi pubblico/privato che più esprima e realizzi un notevole interesse pubblico, la società chiede la convocazione di un tavolo tecnico amministrativo dal quale le componenti possano trovare soluzioni soddisfacenti per le parti stesse».

La richiesta di Areamare fa capire come i tempi per l’approvazione della variante entro questo mandato siano sempre più stretti. L’iter, iniziato tre anni fa, ha seguito le consuete fasi amministrative. Tra queste, anche la richiesta, inoltrata all’Agenzia delle Entrate, relativa all’adeguatezza del contributo straordinario che il privato dovrebbe corrispondere all’ente. Sia Nidis sia Areamare hanno deciso, dopo il parere del catasto, di andare avanti.

In settimana ci si sarebbe aspettata una delibera di giunta per l’accertamento della regolarità delle proposte secondo i criteri dell’Anac. Ma date le proteste dei comitati di quartiere, tale delibera non verrà approvata dagli assessori prima della prossima settimana. Il timore delle associazioni è che l’iter vada avanti senza che i cittadini vengano ascoltati in proposito.

Print Friendly, PDF & Email

Articolo Precedente

Ad Offida concessi nuovi spazi per attività sportive e di benessere

Articolo Successivo

Lungomare chiuso al traffico, Calvaresi: “Prevedere delle viabilità alternative”