Querela profilo satirico, Piunti tira dritto. Mandrelli: “E’ contro la libertà di parola”

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Il sindaco Pasqualino Piunti tira dritto con la querela contro l’amministratore del profilo satirico Piunti Sindaco. Il primo cittadino  nel rispondere ad una interrogazione in Consiglio comunale di Flavia Mandrelli di Articolo Uno ha chiarito che della questione se ne sta occupando il magistrato.

“La querela – il commento di Piunti – è stata fatta dal Comune e non dal sottoscritto in forma personale, perché il sindaco rappresenta la città. E’ stato necessario procedere perché la pagina in questione porta il nome del sindaco e trae in inganno i cittadini. Anche il sindaco di Ascoli Guido Castelli ha scritto un messaggio pensando di parlare con me. Per quanto riguarda l’aspetto burocratico, se n’è occupato il dirigente al welfare in quanto è anche responsabile dell’ufficio legale”.

La Mandrelli non ha gradito: “Castelli come ha potuto pensare che fosse il sindaco di San Benedetto? Questa querela è contro il diritto alla libertà di satira e di parola”.


Articolo Precedente

Piazza San Giovanni, il Comune rinvia la pedonalizzazione

Articolo Successivo

Pignotti e Gabrielli si astengono sul Dup. L'azzurrino si avvicina a Piunti